Tre importanti concorsi nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Concorso Ispettori Antincendi Vigili del Fuoco. Posti messi a concorso Al momento non ci sono informazioni ufficiali riguardo al numero di posti vacanti per la qualifica d’ispettore antincendi. Ci sarà un reclutamento di 50% ispettori attraverso un concorso pubblico e il restante 50% tramite un concorso interno. Limite di età per poter partecipare No, non ci sarà alcun limite di età. Titolo di studio Per poter partecipare al Concorso Ispettori Antincendi Vigili del Fuoco saranno necessari: – laurea in ingegneria o architettura conseguita secondo gli ordinamenti didattici previgenti ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi; – abilitazione professionale attinente ai titoli di studio precedenti. Come partecipare Una volta pubblicato il bando potrai inoltrare la tua domanda di partecipazione al concorso direttamente sul portale del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Cosa prevede il concorso – eventuale prova preselettiva; – prima prova scritta; – seconda prova scritta; – prova orale. Prova preselettiva La prova preselettiva sarà svolta solo qualora il numero totale delle domande sia superiore a dieci volte i posti messi a concorso; consisterà in un test con quesiti a risposta multipla su argomenti logico-attitudinali e le altre materie previste per le prove scritte. Prove scritte Entrambe le prove scritte consisteranno nella stesura di un elaborato, ovvero risposte sintetiche a vari quesiti. Le materie della prima prova saranno: – geometria delle masse; – scienza delle costruzioni. La seconda prova sarà basata su: – elettrotecnica e impianti; – meccanica e macchine; – idraulica. Per entrambe le prove, il punteggio minimo per ottenere l’idoneità sarà di 21/30. Prova orale La prova orale consisterà in un colloquio basato, oltre che sulle materie indicate in precedenza, sui seguenti argomenti: – fisica; – chimica; – topografia; – elementi di normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro; – elementi di normativa tecnica e procedurale di prevenzione incendi; – diritto amministrativo e di diritto costituzionale; – ordinamento del Ministero dell’interno, con particolare riferimento al Dipartimento; – ordinamento del personale del Corpo nazionale. Il punteggio minimo necessario per superare la prova orale è di 21/30. Concorso Informatici Vigili del Fuoco. Quanti saranno i posti messi a concorso? Al momento non ci sono informazioni ufficiali riguardo al numero di posti vacanti per la qualifica d’ispettore informatico. Ci sarà un reclutamento di 50% ispettori attraverso un concorso pubblico e il restante 50% tramite un concorso interno. Limite di età No, non ci sarà alcun limite di età. Titolo di studio Per poter partecipare sarà necessario un diploma di maturità. Dove inoltrare la domanda di partecipazione Una volta pubblicato il bando potrai inoltrare la tua domanda di partecipazione al concorso direttamente sul portale del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Come sarà articolato il concorso L’iter di questo concorso prevede: – eventuale prova preselettiva; – prima prova scritta; – seconda prova scritta; – prova orale. Prova preselettiva La prova preselettiva sarà svolta solo qualora il numero totale delle domande sia superiore a dieci volte i posti messi a concorso; consisterà in un test con quesiti a risposta multipla su argomenti logico-attitudinali e le altre materie previste per le prove scritte. Prove scritte La prima prova scritta consisterà nella stesura di un elaborato, ovvero risposte sintetiche a vari quesiti. Le materie della prima prova saranno: – architettura e sviluppo di applicativi software; – architettura e sviluppo di reti di telecomunicazione. La seconda prova consisterà in un test con domande a risposte multiple e sarà basata su: – gestione dei moderni sistemi di elaborazione dati; – paradigmi di sviluppo, verifica e rilascio di software; – utilizzo dei database management systems; – elementi su sistemi ed apparati di telecomunicazioni; – sicurezza informatica. Per entrambe le prove, il punteggio minimo per ottenere l’idoneità sarà di 21/30. Prova orale La prova orale consisterà in un colloquio basato, oltre che sulle materie indicate in precedenza, sui seguenti argomenti: – elementi di diritto costituzionale e amministrativo; – informatizzazione della Pubblica Amministrazione, con particolare riferimento al codice dell’amministrazione digitale; – ordinamento del Ministero dell’Interno, con particolare riferimento al Dipartimento; – ordinamento del personale del Corpo Nazionale; – lingua straniera a scelta; – informatica. Il punteggio minimo necessario per superare la prova orale è di 21/30. Concorso Amministrativi Vigili del Fuoco, aperto ai diplomati. Da dove si evince che sarà bandito il concorso? Posti messi a concorso Al momento non ci sono informazioni ufficiali riguardo al numero di posti vacanti per la qualifica d’ispettore logistico gestionale. Ci sarà un reclutamento di 50% ispettori attraverso un concorso pubblico e il restante 50% tramite un concorso interno. Limite di età No, non ci sarà alcun limite di età. Titolo di studio Per poter partecipare sarà necessario un diploma d’istruzione secondaria di secondo grado (quinquennale). Come inoltrare la domanda Una volta pubblicato il bando potrai inoltrare la tua domanda di partecipazione al concorso direttamente sul portale del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. Come sarà articolato il concorso L’iter di questo concorso prevede: – eventuale prova preselettiva; – prima prova scritta; – seconda prova scritta; – prova orale. Prova preselettiva La prova preselettiva sarà svolta solo qualora il numero totale delle domande sia superiore a dieci volte il numero di posti messi a concorso; consisterà in un test con quesiti a risposta multipla su argomenti logico-attitudinali e le altre materie previste per le prove scritte. Prove scritte Entrambe le prove scritte consisteranno nella stesura di un elaborato, ovvero risposte sintetiche a vari quesiti. Le materie della prima prova saranno: – diritto amministrativo; – diritto costituzionale. La seconda prova sarà basata su: – elementi di contabilità di stato. Per entrambe le prove, il punteggio minimo per ottenere l’idoneità sarà di 21/30. Prova orale La prova orale consisterà in un colloquio basato, oltre che sulle materie indicate in precedenza, sui seguenti argomenti: – scienza delle finanze; – diritto privato; – ordinamento del Ministero dell’Interno, con particolare riferimento al Dipartimento; – ordinamento del personale del Corpo Nazionale. Inoltre, sempre in sede di prova orale, saranno accertate le conoscenze del candidato relative a: – lingua straniera a scelta; – informatica. Il punteggio minimo necessario per superare la prova orale è di 21/30. Dato l’elevato livello di competitività del concorso, se hai intenzione di parteciparvi allora ti conviene iniziare a studiare fin da subito, almeno le materie previste nella prova preselettiva, ossia:  logica attitudinale;  diritto amministrativo;  diritto costituzionale;  contabilità di stato.


To Top