Concorso 200 posti Carriera Prefettizia

Atteso nella Gazzetta Ufficiale del 19 Novembre, il bando di concorso per 200 posti per l'accesso alla qualifica iniziale della Carriera Prefettizia.

I vincitori, prenderanno servizio solo dopo aver seguito il corso di formazione, organizzato con la Scuola Nazionale dell'Amministrazione (SNA) e mira, a sviluppare le conoscenze, le capacità professionali e le attitudini specifiche delle funzioni prefettizie dei partecipanti che, a conclusione del percorso, assumeranno la qualifica dirigenziale di viceprefetto aggiunto.


Nel bando si prevede oltre il possesso dei requisiti di accesso generali, fra cui Laurea Magistrale o Diploma di Laurea conseguito secondo il vecchio ordinamento in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Relazioni internazionali, Scienze delle Pubbliche Amministrazioni, Sociologia e ricerca sociale, Scienze Economico-Aziendali,  Servizio Sociale e Politiche Sociali, Studi Europei, Scienze storiche, Scienze dell'economia, si richiede inotre, il possesso di un'età non superiore ai 35 anni, elevabili, qualora il candidato sia in possesso di determinati requisiti afferenti la sfera personale.

Secondo quanto pubblicato sul sito del Ministero dell'Interno, per presentare la domanda di partecipazione attraverso i servizi on-line del Portale dei concorsi del Dipartimento per le politiche del personale dell'amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie, il candidato dovrà essere in possesso delle credenziali dell'identità digitale S.P.I.D. (Sistema Pubblico di Identità Digitale) ed il possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (P.E.C.).

LE PROVE

L'ammissione dei candidati alle prove scritte è subordinata al superamento di una prova preselettiva consistente nella risoluzione di quesiti a risposta multipla scelti fra le seguenti discipline: diritto costituzionale, diritto civile, diritto comunitario, economia politica e storia contemporanea. 

Le prove scritte da svolgere saranno cinque, di cui 3 eleborati su diritto Costituzionale, diritto Civile, Storia Contemporanea e della Pubblica Amministrazione, nella risoluzione di un caso di ambito giuridico - amministrativo o gestionale organizzativo e nella traduzione o risoluzione di un quesito in lingua inglese o francese, a scelta del candidato, con l'ausilio del vocabolario.

Le prova orale, sostenuta soltanto da chi avrà raggiunto una soglia minima di punteggio alle prove scritte, avrà ads oggetto tutte le materie delle prove scritte e su: nozioni generali di sociologia e di scienza dell'organizzazione, diritto comunitario, scienza delle finanze, diritto penale, legislazione speciale amministrativa riferita alle attività istituzionali del Ministero dell'Interno, nonchè elementi di amministrazione del patrimonio e di contabilità generale dello Stato.

Tutte le comunicazioni inerenti al concorso saranno pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Concorsi del 21 Gennaio 2020.




I nostri volumi per la preparazione

To Top