Ministero della Giustizia - Bando per 616 Operatori Giudiziari

Nella Gazzetta Ufficiale dell' 8 Ottobre, il Ministero della Giustizia, ha bandito una selezione riservata agli iscritti ai Centri per l’impiego, finalizzata all’assunzione di 616 operatori giudiziari, con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, per la copertura di posti vacanti in uffici giudiziari aventi sede nelle Regioni Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto.

I candidati, dovranno possedere quale requisito essenziale per accedere, l'iscrizione presso i Centri per l'impiego per ciascuna regione.

L'allegato A del bando prevede la suddivisione dei posti, così come di seguito:

n.29 posti per le Amministrazioni Centrali con sede a  Roma;

n.24 posti per il Distretto di Ancona;

n.26 posti per il Distretto di Bari;

n.35 posti per il Distretto di Bologna;

n.36 posti per il Distretto di Brescia;

n.17 posti per il Distretto di Catanzaro;

n.11 posti per il Distretto di Firenze;

n.16 posti per il Distretto di Genova;

n.126 posti per il Distretto di Milano;

n.86 posti per il Distretto di Napoli;

n.35 posti per il Distretto di Reggio Calabria;

n.98 posti per il Distretto di Roma;

n.24 posti per il Distretto di Salerno;

n.26 posti per il Distretto di Torino;

n.27 posti per il Distretto di Venezia.


Oltre l'iscrizione dei candidati ai Centri per l'Impiego, il bando prevede il possesso dei requisiti quali, la cittadinanza italiana, la maggiore età, nonchè il possesso del diploma di istruzione secondaria di primo grado (scuola media inferiore). Per coloro che non possiedono tali requisiti, l'amministrazione potrà disporre l'esclusione dalla selezione.

Entro 30 giorni dalla data di pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale, la Direzione generale del Personale e della Formazione del Ministero della Giustizia, inoltra alle competenti amministrazioni regionali la richiesta di avviamento a selezione di un numero di lavoratori pari al doppio dei posti da ricoprire. 

Successivamente, le competenti Amministrazioni regionali, entro 45 giorni dal ricevimento della richiesta, salvo eccezionale e motivato impedimento, procedono ad avviare a selezione i lavoratori nel numero richiesto. 

La selezione, mirata ad accertare l’idoneità del lavoratore a svolgere le mansioni previste dal profilo professionale di operatore giudiziario, consiste in un colloquio e in una prova pratica di idoneità.


PER VISIONARE IL BANDO INTERAMENTE CLICCA QUI




I nostri volumi per la preparazione

To Top