ISBN-13
978-88-6657-071-4

CODICE DELLE CONFISCHE E DEI SEQUESTRI

 

Da anni ormai il legislatore ha assegnato particolare rilevanza, nel contrasto agli illeciti penali e amministrativi, alle misure di tipo reale, in specie alle confische, concorrendo alla profonda evoluzione della natura e della disciplina delle stesse.
Numerosissimi conseguentemente i problemi interpretativi emersi, primo tra tutti quello del difficile inquadramento dogmatico della confisca, di cui è stata riconosciuta la natura «proteiforme»: l’istituto, ancora individuato da un unico nomen iuris, ha assunto di volta in volta natura e veste diversa (misura di sicurezza; misura di prevenzione; pena in senso stretto; sanzione amministrativa).
Il Codice –per la prima volta nel panorama editoriale- esamina, quindi, le molteplici questioni dommatiche e applicative poste dalla numerose discipline in punto di sequestri e confische. 
Il primo «Libro» del Codice è dedicato all’analisi delle disposizioni che forniscono la disciplina generale della confisca (nel diritto penale, nonché nel diritto amministrativo c.d. «punitivo»). Il «Libro II » concerne le ipotesi speciali (penali e amministrative) di confisca, raggruppate per nuclei tematici omogenei (sviluppati, per comodità espositiva, in ordine alfabetico); esso, insieme al «Libro III» (relativo alle misure di prevenzione patrimoniali), attesta la rilevante «trasversalità» settoriale e la «eterogeneità» funzionale degli istituti ablativi attualmente previsti nell’ordinamento.  Il «Libro IV» è infine destinato, oltre che alla trattazione delle principali problematiche concernenti il campo dei sequestri, alla disamina delle norme procedimentali e processuali che assumono rilievo nelle varie fasi del procedimento ablatorio (dal segmento cautelare alla pronuncia definitiva in punto di confisca, alle impugnazioni e alla destinazione dei beni confiscati).
L’analisi delle norme ha ovviamente tenuto conto di tutte le più recenti novità normative: si è così tenuto conto, ad esempio, delle novità introdotte dal d. lgs. 6 settembre 2011, n. 159 («Codice delle leggi antimafia e delle misure di  prevenzione»), dalla L. 14 settembre 2011, n. 148 (c.d. «Manovra bis»), dalla L. 12 novembre 2011, n. 183 («Legge di stabilità 2012»), dal d. lgs. 9 gennaio 2012 n. 4 («Misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura»).
Agli obiettivi di inquadramento ricostruttivo e di ordine sistematico si accompagna la necessità di rispondere alle esigenze pratiche e applicative. A tale scopo è stata inserita in ciascun commento un’apposita sezione («Le domande e le risposte»), nella quale sono sintetizzate  – con immediatezza stilistica ed espositiva  – le principali questioni problematiche, i termini del dibattito e le risposte rese nei più recenti orientamenti giurisprudenziali.
Robusto l’indice analitico, utilissimo per  un’agevole consultazione.
Prezzo speciale 102,00 € Prezzo normale 120,00 €

 

Da anni ormai il legislatore ha assegnato particolare rilevanza, nel contrasto agli illeciti penali e amministrativi, alle misure di tipo reale, in specie alle confische, concorrendo alla profonda evoluzione della natura e della disciplina delle stesse.
Numerosissimi conseguentemente i problemi interpretativi emersi, primo tra tutti quello del difficile inquadramento dogmatico della confisca, di cui è stata riconosciuta la natura «proteiforme»: l’istituto, ancora individuato da un unico nomen iuris, ha assunto di volta in volta natura e veste diversa (misura di sicurezza; misura di prevenzione; pena in senso stretto; sanzione amministrativa).
Il Codice –per la prima volta nel panorama editoriale- esamina, quindi, le molteplici questioni dommatiche e applicative poste dalla numerose discipline in punto di sequestri e confische. 
Il primo «Libro» del Codice è dedicato all’analisi delle disposizioni che forniscono la disciplina generale della confisca (nel diritto penale, nonché nel diritto amministrativo c.d. «punitivo»). Il «Libro II » concerne le ipotesi speciali (penali e amministrative) di confisca, raggruppate per nuclei tematici omogenei (sviluppati, per comodità espositiva, in ordine alfabetico); esso, insieme al «Libro III» (relativo alle misure di prevenzione patrimoniali), attesta la rilevante «trasversalità» settoriale e la «eterogeneità» funzionale degli istituti ablativi attualmente previsti nell’ordinamento.  Il «Libro IV» è infine destinato, oltre che alla trattazione delle principali problematiche concernenti il campo dei sequestri, alla disamina delle norme procedimentali e processuali che assumono rilievo nelle varie fasi del procedimento ablatorio (dal segmento cautelare alla pronuncia definitiva in punto di confisca, alle impugnazioni e alla destinazione dei beni confiscati).
L’analisi delle norme ha ovviamente tenuto conto di tutte le più recenti novità normative: si è così tenuto conto, ad esempio, delle novità introdotte dal d. lgs. 6 settembre 2011, n. 159 («Codice delle leggi antimafia e delle misure di  prevenzione»), dalla L. 14 settembre 2011, n. 148 (c.d. «Manovra bis»), dalla L. 12 novembre 2011, n. 183 («Legge di stabilità 2012»), dal d. lgs. 9 gennaio 2012 n. 4 («Misure per il riassetto della normativa in materia di pesca e acquacoltura»).
Agli obiettivi di inquadramento ricostruttivo e di ordine sistematico si accompagna la necessità di rispondere alle esigenze pratiche e applicative. A tale scopo è stata inserita in ciascun commento un’apposita sezione («Le domande e le risposte»), nella quale sono sintetizzate  – con immediatezza stilistica ed espositiva  – le principali questioni problematiche, i termini del dibattito e le risposte rese nei più recenti orientamenti giurisprudenziali.
Robusto l’indice analitico, utilissimo per  un’agevole consultazione.
Maggiori Informazioni
ISBN-13
978-88-6657-071-4
Autori
N/D
Data di Pubblicazione
marzo 2012
Editore
NELDIRITTOEDITORE
Formato
17x24 cm
Pagine
1616
Servizi connessi
N/D
Scrivi la tua recensione
Solo gli utenti registrati possono lasciare recensioni. Accedi o crea un nuovo account
To Top